Il Tracciato

La Corsa parte da Piazza dell’Arrotino a Stolvizza di Resia e dopo un ripido tratto di asfalto ci si immette subito sul vecchio sentiero che dal paese porta all'altopiano del “Pusti Gost”. Terminato un tratto di falsopiano ci troviamo ai “+200” dove inizia una salita impegnativa caratterizzata da ripidi tornanti e da ampi gradoni. Successivamente, lasciate le spettacolari cascate sulla nostra sinistra, ecco ancora una serie di tornanti che ci portano ai “ + 400 ”, prima di immetterci sul sentiero "Cai 643". Qui il sentiero cambia, le pendenze si fanno più accettabili dove, i più forti, possono provare anche a correre. Dopo un breve ma suggestivo tratto di sentiero in un bosco di faggio, ci troviamo già a metà gara, dove in prossimità della località Lomyć, troviamo il ristoro. La possibilità di integrarsi e recuperare le energie ci porta a una traccia sulla sinistra del sentiero principale che poco dopo il ristoro ci immette all'inizio del “+600” nel tratto più impegnativo dell'intera gara. Duecento metri di salita senza soluzione di continuità, passando per il ripido del prato che ci porta ai “+800”. Qui si scollina sul sentiero "Cai 632". Nuovamente il paesaggio cambia, ora si aprono ai nostri occhi gli spettacolari massicci del monte Sart e Canin.

Seguendo la traccia si arriva ad un trivio da dove si può osservare l'ultimo tratto di gara e il profilo del bivacco. Un altro tratto, ripido e severo, che mette a dura prova la restienza degli atleti ci porta ai “+ 1000 ” appena sotto il traguardo. Un ultimo tratto “verticale” riesce ancora a stimola gli atleti che, raccolte le ultime energie, si impegnano alla ricerca della migliore performace prima di giungere sulla linea di arrivo a “+ 1050 ”. Arrivati al bivacco, dopo aver gustato il meritato ristoro, ci si potrà consolare di tanta fatica, osservando lo straordinario paesaggio delle Alpi Giulie: il Montasio, lo Jof Fuart, mentre sulla destra del bivacco lo sguardo scivola sulle pendici del monte Sart per aprirsi sul spettacolare scenario massiccio del monte Canin. La Val Resia Vertical non vuole avere la pretesa d'esser la più dura o la più ripida delle vertical, ma una delle più belle gare del settore, questo si.

Altimetria

Record

M – ALIĆ SIMON (SLO) 0:40:29 (ed. 2014)

W – DI BERT LJUDMILA (ITA) 0:51:14 (ed. 2013)

Ecco descritto brevemente notizie e sensazioni suscitate da questo EVENTO, un appuntamento unico, che ci permettiamo di suggerire, anche da non perdere dai tanti amanti delle manifestazioni sportive che si svolgono sulle nostre montagne.

Programma

Benvenuti e grazie per aver scelto Stolvizza di Resia per partecipare alla sesta edizione della "VERTICAL KILOMETER". Speriamo che il vostro breve soggiorno a Stolvizza sia ricordato da tutti voi con sincera simpatia. Dopo aver parcheggiato ed effettuato l'iscrizione, vi chiediamo di controllare che nel pacco gara ci sia tutto quanto necessario per partecipare con tranquillità alla nostra manifestazione.

Ed ora siete pronti per la partenza della gara che avverrà alle ore 9,30 precise, partendo insieme, ma lasciando un po' di spazio a chi è più veloce, al fine di non creare eccessivi ed evitabili problemi soprattutto alla prima strettoia dopo 300 metri circa dalla partenza, quando, all'altezza del "Belvedere Roberto Buttolo", ci si immette sul sentiero;

Montepremi

Regolamento

Dove siamo

Per accedere alla Val Resia si deve percorrere la SS13 Pontebbana sino al paese di Resiutta per poi continuare in direzione della SP52 seguendo le indicazioni per la Val Resia.

Dopo 12 km di risalita della valle si giunge al paese di Stolvizza.

Per maggiori informazioni fare riferimento alla cartina schematica o alla mappa sottostante.